24 giugno 2009

RecenZione: Moonacre- I segreti dell'ultima luna

Soggetto inquisito: Moonacre- I segreti dell'ultima luna, di Gabor Csupo



E' ora di basta!
Qualcuno tagli i fondi a questi registucoli, sceneggiatori, truccatori, cameramen che si ostinano a cavalcare lo tsunami fantasy del nuovo millennio, producendo solo stronzate che la fantasia non se la sognano nemmeno la notte.

Lo facessero con delle idee, perdio!

In principio furono Harry Potter, il Signore degli anelli e Narnja.
E quando ne avevamo già ben donde, attraccarono
Eragon, La Bussola d'oro, Ember e Terabithia, per citarne alcuni.
Di quest'ultimo il regista, non pago della prima e tanto tanto decente opera cinematografica si è imbarcato nella realizzazione di questa..roba..da cloaca maxima.

Altro che "l'opera che ha ispirato Harry Potter", mai fidarsi della pubblicità...
Che poi "Little White Horse", romanzo da cui è tratto il film, possa essere piaciuto alla Rowling mi fa anche piacere, ma me ne sbatto volentieri se poi devo subirmi una cosa del genere.

Di cosa parla (non me la sento di chiamarla trama).
Maria rimasta orfana riceve in eredità dal padre un libro che narra la storia di due clan, i Merryweather e i Denoir, in lotta in seguito a una maledizione.
Con la sua tata poi, è costretta a lasciare la città per andare a vivere nella località di Moonacre, con lo zio, Ben Merryweather. Qui scoprirà che l'unica in grado di rompere la maledizione e riportare la pace a Moonacre, è proprio lei!

Come vedete è tutto estremamente originale, mai viste così tante idee innovative e visionarie tutte insieme.

Se avete una sensazione di dejà-vu non sbagliate, c'è copiato qualcosa anche da Heidi, a guardar bene!

Dello svolgimento non si capisce quasi niente, è tutto molto sbrigativo e semplicistico.

A volte da persino l'impressione che si vogliano scimmiottare i fantasy, quelli seri. Come se neanche gli addetti ai lavori per primi, prendessero sul serio tutta la storia.

I rapporti interpersonali subiscono continue evoluzioni illogiche e non gli si sta dietro.

Specialmente Miss "Ce-l'ho-solo-io...il potere di annullare la maledizione"e lo zio, Ioan Gruffudd per il quale io personalmente ucciderei, sono schizofrenici, due matti sciolti.

La scena che comunque merita di più è il finale, alla quale le parole non rendono giustizia, degna com'è dell'ultimo filmetto di serie C2.


Stabilito che di sostanza ce n'è poca, uno spera almeno nella forma.

Di una cosa sola posso parlare più che bene: i costumi.

Me-ra-vi-glio-si! Sognanti, romantici, stupendi, bellissimi davvero.

Un applauso con ola alla costumista Beatrix Aruna Pasztor per il lavoro superlativo.
Però una cosa me la dovrebbe spiegare: cosa diamine mi rappresenta quella gabbia per uccelli/vano porta-oggetti che la bambina reca a mò di dromedario sul fondoschiena?! Non ci dormo la notte, se qualcuno lo sa, mi risolve la vita.



Comunque, il dromedar..ehm, l'attrice che interpreta Maria, già vista nella Bussola d'oro mi sta proprio qui, e non mi sto toccando il cuore.
Robin, è il figlio illegittimo di quello di Arancia Meccanica, stesso trucco, stessa bombetta, stessa spiaggia stesso mare, non ci sono discorsi, è lui!




Il leone-cane o cane-leone.
A parte che non avevo mai visto un leone fatto così brutto, e non guardate quello nella locandina che è un parto di Photoshop...ma poi, cosa aveva fatto di male quel magnifico leonberger per essere immerso nella tintura nera in quel modo?!

Non bastava prendere un cane già nero di suo?!credo che i terranova esistano per questo...

Concludo con gli effetti speciali: fatta eccezione per la scena dei cavalli che escono dal mare presente anche nel trailer, non sono molto all'avanguardia.

Anzi vi dirò, ho fatto una recita in quinta elementare che sembrava meno finta.
Un disastro, signori.


Sentenza: 4, ovvero meno di Twilight, fate un pò voi!

3 commenti:

Charlie Paul ha detto...

Wow Giuls, ti devi essere alterata seriamente dopo la visione di questo film XD . Comunque hai ragione, a parte per il Signore degli Anelli e alcuni Harry Potter, i film fantasy riescono sempre malissimo, purtroppo :( . Ahhh, poi completamente d'accordo su quella ragazzina che ha fatto anche La Bussola D'oro, è una piaga quanto una certa Kristen :P. E comunque grazie, mi hai fatto risparmiare soldi che avrei mal speso ^_-

Giuls ha detto...

Si sono fuori di me!!
E' uno di quei film che non hanno ragion d'essere, che sfruttano la curiosità degli appassionati del genere per tirar su quattrini e la cosa mi fa schifo!
Sono contenta che tu non sia andato, è il motivo principale per cui mi affretto a postare recensioni sui film in programmazione: aiutare specialmente noi studentelli squattrinati, a investire i soldini per cose che meritino veramente!!

Mauser Rosenstadt ha detto...

recensione santissima, mai sentito nulla di più veritiero su 'sto schifo di noia mortale pieno di trovate "geniali" e "esilaranti".
Comunque la gabbia degli uccelli è una tournure, praticamente una crinolina di fine ottocento, l'evoluzione della crinolina, cheppoi è proprio da dire che evolvendoci continuiamo a far peggio ¬_¬

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...